martedì 20 ottobre 2015

What a wonderful world!


Il 29 gennaio 1952 Ernesto Alberti, colono dell’Appennino bolognese, scrive a Di Vittorio per sottoporgli il progetto di un apparecchio agricolo da lui ideato. Dopo aver invitato la Confederterra a valutare anche tecnicamente la macchina, Di Vittorio risponde all’Alberti sottolineando i pregi dell’apparecchio e consigliandogli di rivolgersi al Consiglio di gestione di qualche fabbrica emiliana per il suo possibile sfruttamento e la sua realizzazione.

Il 13 maggio 1952 Galdino Recchia, maestro di musica di Montemesola (Taranto) invia a Di Vittorio lo spartito di una marcia trionfale a lui dedicata, mentre il fascicolo 170 della Serie Atti e corrispondenza 1950 custodisce al proprio interno lo spartito ed il testo presumibilmente inediti della canzone Viene il primo maggio del poeta tarantino Nicola Detimo.

Se numerose risultano essere le lettere indirizzate al “papà Di Vittorio” da parte dei bambini, nel 1951 al segretario scrive anche “un prelato che si rivolge ad uno degli esponenti più qualificati del Partito Comunista per ottenere che sia scongiurata l’attuazione di una legge iniqua promossa dalla DC”.

Il fondo personale di Ottaviano Del Turco conserva articoli, interviste, interventi, appunti, dichiarazioni, discorsi, contributi per libri e corrispondenza. All’interno dei fascicoli però troviamo anche bozzetti, schizzi, disegni, vignette umoristiche originali dello stesso Del Turco.

Il fondo personale di Manfredo Marconi, conserva 26 pagine di poesie mss. e datts., anche in romanesco, composte a partire dal 1939, mentre il Fondo Bruno Trentin custodisce la riproduzione di un decreto del Comitato esecutivo della Repubblica romana del 12 febbraio 1849 donato nel 1992 al segretario confederale da Bettino Craxi, collezionista di cimeli garibaldini et similia.

Se nel 1976 l’Accademia scoponistica italiana omaggia Lama della tessera ad honorem, non mancano odi a lui dedicate o lettere in cui la base femminile apprezzi le doti non solo politiche del segretario.

Non può mancare un riferimento al gioco più amato degli italiani: il calcio. L’Archivio fotografico conserva più di una immagine sul tema. Ricordiamo Di Vittorio che premia i finalisti del torneo di calcio organizzato a latere del I Congresso nazionale confederale (1947) o che stringe la mano a Puskas, capitano della squadra nazionale di calcio dell’Ungheria ed al mediano della squadra Jozsef. In pochi, poi, sapranno che la Cgil aveva in passato una squadra ufficiale di calcio della quale l’Archivio conserva gagliardetti e foto.

Rigola è stato uno dei fondatori della Confederazione generale del lavoro sorta nel 1906 e ne fu il primo Segretario; esponente di spicco della corrente riformista, diresse la Confederazione tra il 1906 e il 1918.
La sua non netta presa di distanza nei confronti del fascismo suscitò reazioni molto aspre da parte degli antifascisti. Venuto per caso a sapere delle serie difficoltà in cui Rigola viveva, Di Vittorio decise di concedere all’anziano segretario un sussidio economico da parte della Cgil.

Interessanti anche gli ordini del giorno inviati alla CGIL in seguito all’attentato a Togliatti del 14 luglio 1948 e ai fatti del luglio 1960, insieme alle prese di posizione relative ai fatti di Ungheria dell’ottobre 1956. L’Archivio conserva, nello specifico, il telegramma di Italo Calvino a Giuseppe Di Vittorio del 28 ottobre 1956. Lo scrittore, condividendo la posizione di condanna assunta da Di Vittorio sull’invasione sovietica dell’Ungheria maturò la decisione di uscire dal Pci.





Ilaria Romeo


Nessun commento:

Posta un commento

Andavano col treno giù nel meridione per fare una grande manifestazione

di Ilaria Romeo responsabile Archivio storico CGIL nazionale Il 22 ottobre del 1972 cinquantamila lavoratori arrivano a...