Passa ai contenuti principali

Post

In primo piano

Di Vittorio, il segretario che si prese cura del ragazzo orfano

Il primo maggio 1947, nei pressi della Piana degli Albanesi, vicino Palermo, durante la Festa del lavoro, gli uomini della banda di Salvatore Giuliano sparano sulla folla uccidendo 11 persone e ferendone molte di più (i dati variano da 30 a 60). Margherita Clesceri di 47 anni, madre di sei figli e incinta, muore sul colpo.  Anni dopo, a partire dal dicembre 1954, tra Giuseppe Di Vittorio, segretario generale della CGIL e Giorgio Moschetto, “figlio della compagna Clesceri Margherita, caduta (e non semplicemente morta!) a Portella della Ginestra” si tiene un fitto scambio di corrispondenza. Le lettere,conservate presso l’Archivio storico CGIL nazionale e consultabili nella loro interezza all’interno del volume Caro papà Di Vittorio. Lettere al segretario della CGIL (a cura di Myriam Bergamaschi, Guerini e associati, 2008), ci svelano la personalità dell’uomo Di Vittorio, restituendoci l’immagine di un Segretario umano e raggiungibile, che si preoccupa, con solidarietà e solerzia, di un rag…

Ultimi post

L’assassinio di Pio La Torre. Lutto, commozione e rabbia

Primo maggio: insieme a Portella

La strage di Portella nei verbali della CGIL

LA CGIL NEL NOVECENTO - Newsletter marzo 2017

FOSSE ARDEATINE: IL MASSACRO

Della felicità di scoprire la politica come la cronaca che si fa storia e diventa vita. In ricordo di Alfredo Reichlin

21 marzo, Giornata nazionale della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime delle mafie

La scomparsa di Placido Rizzotto nelle carte della Cgil, di Ilaria Romeo, da «l’Unità» dell’11 marzo 2017

In ricordo di Vincenzo Di Salvo, di Ilaria Romeo

NEWSLETTER FEBBRAIO 2017